lunedì 30 maggio 2011

RUBRICA "L'ALTRA FACCIA": MEL GIBSON

L'avevamo lasciato così: occhi stralunati, barba da eremita folle, geniale regista e uomo dai mille conflitti interiori. E' passato attraverso trent'anni di carriera come una stella dalle traiettorie imprevedibili. Attore carismatico e divo dell'action turbolenta con i vari cult alla "Mad Max" e "Arma Letale" fino a regista da Oscar degli anni '90 con il capolavoro "Braveheart"; poi il nuovo millennio e i demoni interiori a prendere il sopravvento. Mel ha dato voce alla sua visione radicale del mondo, ricercando ossessivamente l'oscurità del mondo e della sua anima attraverso opere controverse e sconvolgenti, quali "La passione di Cristo" primo segnale di estremità e perdizione, fino ad arrivare allo stupefacente "Apocalypto". All'apice del successo il baratro. L'alcolismo esasperato, le invettive contro la comunità ebraica, gli attacchi violenti ed ingiuriosi verso la moglie. Sembrava finito, Hollywood aveva emesso la sentenza: finito. In procinto di tornare in Australia per sempre, il grande Mel stupisce e dribbla tutti: "Mr.Beaver" lo riporta al successo. Come se nulla fosse accaduto, ci ritroviamo in sala come tanti anni fa a stupirci di quanto sia bravo. Prova superba, monumentale, in odore di nomination, Gibson afferra al volo la redenzione offertagli dall'amica Jodie Foster e ci dona, forse, la sua più bella interpretazione di sempre. Un castoro forse l'ha salvato, creando una diga tra lui e i suoi demoni. Una parte sentita, dove l'attore australiano a messo tutto se stesso e i suoi turbamenti. E noi sorridiamo, felici di averlo ritrovato.In attesa della rinascita definitiva, aspettiamo fiduciosi l'attore regista che tante emozioni ci ha regalato. E allora dimentichiamo le vecchie immagini e applaudiamolo con questa foto che dice tutto per noi che lo aspettavamo a gloria....
 
                                                                                                                               Alberto Luschi

                                                                          

Nessun commento:

Posta un commento